Social Media: sei su Instagram?

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

instagram

Instagram nasce ad ottobre del 2010 come un’app disponibile esclusivamente per il mondo Apple e si trasforma velocemente in una piattaforma social disponibile su tutti i device. Allo stato attuale quindi puoi scaricarla sia dall’Apple store che da Google Play e, dopo averla scaricata ed esserti registrato, utilizzarla anche dal tuo PC.

L’app riscuote un immediato successo, senza voler ripercorrerne interamente la storia intera ti riporto semplicemente due dati:

  • gli iscritti a fine 2011 (dopo poco più di un anno dal lancio quindi) sono 15 milioni;
  • ad aprile 2012 Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, annuncia di acquistare Instagram per un miliardo di dollari.

Ma veniamo ai dati attuali (fine 2013); nel mondo si contano:

  • 218 milioni di iscritti;
  • 152 milioni di utenti attivi almeno una volta al mese.

E in Italia?

  • 4 milioni di iscritti;
  • 1,8 milioni di utenti attivi almeno una volta al mese.

Ogni utente spende in media 257 minuti al mese su Instagram.

Che cosa è Instagram?

Instagram è un social network fotografico che permette di condividere le proprie foto e ricevere commenti In piena logica social sarà anche possibile commentare le foto degli altri utenti. Le foto, oltre che su Instagram stesso, possono essere condivise anche su altri social network come Twitter e Facebook.

Da qualche tempo inoltre, è anche possibile condividere dei video di breve durata.

Le foto caricate sul social network possono essere “lavorati” con dei particolari effetti fotografici che ne migliorino l’impatto visivo.

Inoltre è possibile, per ogni foto/video caricato:

  • associare delle didascalie che ne spieghino meglio ambientazione/significato/contesto;
  • applicare degli hastag per categorizzare i tuoi caricamenti in maniera univoca e facilitare agli altri utenti la ricerca delle foto di loro interesse;
  • inserire dei tag (sul modello di Facebook) per associare ad una foto i nomi dei tuoi amici (questa funzione viene utilizzata di norma per segnalare ad un amico la sua presenza in quella foto ma puoi servirtene anche come invito a visualizzarla perché di suo interesse o legata ad una situazione a lui vicina);
  • includere un geo tag ossia memorizzare, tramite il dispositivo GPS del tuo smartphone/tablet, la latitudine e la longitudine della tua posizione attuale nella foto.

 Come funziona?

Come accennato per iniziare ad utilizzare Instagram devi innanzitutto scaricare l’apposita App sul tuo smartphone. Questa è una differenza significativa con gli altri social ma d’altro canto Instagram nasce come un’app per condividere le immagini scattate con il proprio smartphone (nella fattispecie l’Iphone).

In maniera similare ad altri social network procederai poi alla creazione del tuo profilo associandolo ad una tua descrizione, ad un indirizzo mail e ad una foto; se vuoi potrai anche indicare il tuo numero di telefono; in questa fase potrai inoltre collegare al tuo nuovo account un profilo Facebook o Twitter che già possiedi.

A questo punto parte la ricerca degli amici già presenti sul social network; potrai utilizzare la tua rubrica telefonica (ecco una dei motivi per cui ti viene richiesto il numero telefonico) o gli altri social indicati precedentemente: insomma completa integrazione! Dalle liste di potenziali “amici” che ti vengono proposte potrai scegliere le persone che deciderai di seguire (in pratica le persone per te interessanti).

Fin da ora (ma potrai modificare la decisione in qualsiasi momento) potrai decidere le tue impostazioni di privacy; ossia se:

  • permettere a chiunque di seguirti e visualizzare le tue foto;
  • approvare di volta in volta le persone che decidono di seguirti.

Ovviamente tale decisione dipende dallo scopo che intendi farne, ma di norma l’opzione migliore, se desideri utilizzare Instagram per scopi professionali è sempre quella pubblica. Ti segnalo che da circa un anno è stata anche aggiunta una nuova funzionalità Direct attivabile al momento della pubblicazione della foto/video (quindi indipendente dalle opzioni di privacy impostate) che ti permette di rendere un singolo elemento disponibile solo per un ristretto gruppo di amici specifici (da 1 a 15 utenti).

Una volta completate le operazioni preliminari puoi iniziare ad utilizzare Instagram appieno. E quindi potrai:

  • visualizzare le foto delle persone che hai deciso di seguire (in un’apposita sezione dell’app);
  • visualizzare le foto che Instagram ti propone come più popolari (anche queste accedendo ad un’apposita sezione);
  • ricercare foto con un particolare tag (ricordi avevamo già parlato di questa possibilità?): ad esempio #Roma oppure #gattini o anche #dolci);
  • ricercare le foto di un determinato utente.

Dopo averle visualizzate, potrai esprimere il tuo apprezzamento (su Instagram è rappresentato dall’icona di un cuore) facendo un doppio tap sulla foto stessa o anche inserire un tuo commento.

Gli altri utenti potranno ovviamente fare altrettanto con le foto che tu pubblicherai. La procedura per pubblicare le tue foto è assai semplice:

  • utilizzando un apposito pulsante dell’interfaccia attiverai la fotocamera del tuo smartphone;
  • dopo aver scattato la foto potrai applicarvi degli effetti (Instagram al momento ne mette a disposizione 20) o dedicarti alla “postproduzione” modificando luminosità, contrasto ecc.

Ovviamente è anche possibile condividere anche un’immagine già presente sul tuo smartphone/PC.

Come usarlo?

Da un punto di vista pratico, come hai visto, le operatività sono molto semplici ed anche, concettualmente similari a quelle degli altri social network: condivido e visualizzo, commento e vengo commentato. Diciamo però che rispetto ad alcuni social (ad esempio Facebook) qui sei più svincolato dalle tue conoscenze reali. Parti da esse ma quello che ti unisce alle persone che segui e che ti seguono è altro: innanzitutto la passione/interesse per la comunicazione tramite immagini ma in molti casi la passione per un determinato argomento; generalmente se usi Instagram non hai l’obiettivo di condividere i tuoi contenuti solo con le persone che conosci già! Da questo punto di vista la logica è più simile a Twitter che a Facebook: solo che in questo caso “seguaci” si conquistano con le immagini e non con i testi.

In questo paragrafo vedremo quindi alcuni accorgimenti che puoi utilizzare per avere “successo” su Instagram. Ovviamente questi consigli danno per scontato la qualità dei tuoi contenuti e la capacità di incuriosire e di destare interesse, ma questo è un prerequisito imprescindibile e che esula dallo scopo di quest’articolo: se pubblichi tutti i giorni la foto della sedia della tua scrivania difficilmente ti potrò essere d’aiuto così come se tu ogni giorno postassi su Twitter le pietanze che hai mangiato a pranzo.

Ma veniamo agli accorgimenti.

  1. Completa il tuo profilo con una tua foto e con una tua descrizione (breve i caratteri disponibili sono 150). Dai insomma un volto e un profilo all’autore delle foto che stai pubblicando: se i contenuti pubblicati saranno di qualità, ti aiuteranno a costruire la tua immagine; inoltre conoscere qualcosa di chi sta dietro ad una foto, quali sono i suoi interessi e le sue attività professionali è un aspetto che incuriosisce gli altri utenti.
  2. Segui molte persone, commenta e mettimi piace” specialmente alle persone da cui vorresti essere seguito (ad esempio perché pubblicano foto su temi che ti stanno a cuore e, quindi, verosimilmente condividono i tuoi stessi interessi). I “mi piace” portano “mi piace” così come seguire altre persone moltiplica le possibilità di essere seguito.

Pensaci un momento: immagina di aver pubblicato le tue prime foto e di ricevere dei “mi piace” o di essere seguito da un utente che non conosci… la prima cosa che faresti non sarebbe andare a sbirciare le sue foto? E se notassi che le foto sono inerenti a temi d’interesse comune o sono comunque interessanti (per qualità, valore artistico ecc.) non credi che inizieresti a tua volta a seguire quell’utente?

  1. Usa in maniera intelligente la possibilità di inserire didascalie. Le immagini hanno un forte potere evocativo ed emozionale. Accompagnarle con delle parole può avere una duplice funzione:
    1. Se il tuo obiettivo è puramente artistico ti serviranno per amplificare al massimo questa loro capacità di emozionare; ad esempio inserendo al di sotto delle tue foto dei versi di una canzone o di una poesia o un aforisma. Banalmente sotto la foto di un uomo anziano che sorride potresti inserire:

“Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai mai chi potrebbe innamorarsi del tuo sorriso”

(Gabriel Garcia Marquez)

  1. Se le immagini, invece, sono un mezzo per comunicare un concetto o veicolare un servizio/prodotto, le didascalie ti saranno utili per spiegare e dettagliare e contestualizzare quanto stai pubblicando. Ad esempio se hai tenuto un corso di formazione a Madonna di Campiglio per i manager di una multinazionale, pubblicherai una foto di te insieme a loro (con le dolomiti sullo sfondo) e scriverai nella didascalia “ 3 giorni insieme ai manager della XXX spa in uno scenario fantastico per parlare di strategie di comunicazione”. Tutti dopo aver visto la bellissima foto sapranno che la XXX spa si fida di te!
  1. Usa spesso gli hastag ma fallo con discernimento. Inutile inserire tanti hastag non pertinenti solo per aumentare la possibilità che le nostre foto appaiono nei risultati di ricerca (magari con un hastag molto popolare in quel momento). Forse inizialmente riuscirai a far visualizzare le tue foto a più utenti ma se non risultassero attinenti con quanto da loro ricercato otterrai solo il risultato di infastidire qualcuno e di apparire inaffidabile. Pertanto scegli pure gli hastag per la tua foto fra quelli più popolari (basta una breve ricerca su Google per conoscerli) ma fai in modo che siano attinenti.
  2. Partecipa ai concorsi. Se vai sul blog ufficiale di Instagram (http://blog.instagram.com/) vedrai che ogni settimana viene bandito un WHP (WEEK HASTAG PROJECT) ossia un concorso fotografico su un determinato tema che cambia ogni settimana. Un ottimo strumento per promuoverti e farti conoscere non credi?
  3. Cerca di distinguerti e di renderti in qualche modo originale. Insomma fai in modo (se possibile) che le tue foto o il tuo modo di pubblicarle abbiano una sorta di firma.

Instagram e il business: perché usarlo e cosa pubblicare?

Instagram ti permette di utilizzare la potenza delle immagini per sviluppare il tuo business: e non solo se ambisci a diventare un fotografo professionista!  Le immagini hanno un forte potere evocativo ed emozionale e se ben utilizzate possono aiutarti a costruire un’immagine professionale autorevole e coerente.

Molte grandi aziende (Nike, Starbucks, Adidas, Red Bull, BMW, H&M, Zara, Cavalli Converse solo per citarne alcune) sono già sul social network e lo usano quotidianamente per promuovere i loro prodotti e per fidelizzare i loro clienti. Molte di loro infatti, non solo postano foto strettamente inerenti al loro “Business” (ad esempio un video pubblicitario) ma propongono anche foto e video “out of topic” (magari ironici e divertenti). La cosa più importante che fanno però, è ricercare l’interazione con i propri clienti: indicono concorsi e contest, promuovono sondaggi, richiedono pareri ecc.

Ma come può utilizzare queste potenzialità un piccolo professionista o una piccola azienda? Quello che dovresti provare a fare è la costruzione di un racconto di te e della tua attività attraverso le immagini, facendo in modo che ogni foto abbia un suo significato e una sua funzione all’interno di questa narrazione. Ovviamente il modo con cui lo farai varia sensibilmente in funzione della tua professione e del tuo target ma, in generale, potresti pubblicare su Instagram foto e video:

  1. relative ad eventi o convention;
  2. che presentino i tuoi prodotti
  3. tue o dei tuoi collaboratori (anche bizzarre divertenti e originali);
  4. che svelino i retroscena.

Come dicevo la variabilità è delle opzioni (in funzione della tua attività) è indicibile ma solo per esemplificare se hai un piccolo ristorante posta immagini e video:

  1. del tuo locale durante una festa o una riunione (o magari la volta in cui hai servito un personaggio famoso);
  2. dei tuoi piatti;
  3. tue e dei camerieri (anche quella in cui stappando una bottiglia di spumante Franco, il cameriere, si macchia la camicia o il video in cui rischia di inciampare);
  4. della cucina (una sorta di backstage).

Puoi anche utilizzare Instagram per rimanere vicino ai tuoi seguaci o meglio per fargli condividere la tua attività. Se ti sposti spesso per lavoro posta delle foto dei tuoi viaggi che descrivono quello che stai facendo. In questo caso ovviamente devi cercare di mantenerti coerente sia per quanto riguarda lo stile (ricordi la “firma” di cui ti parlavo prima?) sia per quanto riguarda gli argomenti.

Se la tipologia della tua attività te lo permette inoltre, invita i tuoi seguaci ad interagire con te; ad esempio bandisci un concorso a premi in cui chiedi di inviare foto su un determinato argomento.

Come?

Il ristoratore prometterà una cena gratis alla migliore foto fatta durante una cena nel proprio ristorante, la piccola fabbrica di calzature richiederà ai suoi seguaci di inviare proprie foto mentre indossano quella scarpa nelle varie situazioni della giornata mettendo in premio un buono sconto di 50 euro: insomma basta far lavorare la fantasia.

Infine fai un po’ il “ruffiano”; ci sono soggetti che piacciono sempre: montagne innevate, spiagge al tramonto e gattini nel cesto hanno grosse possibilità di piacere e inserire queste foto (purché correttamente contestualizzate) nel racconto per immagini della tua professione non è affatto un’idea sbagliata.

Marco Rimedio – Business Coach
https://www.facebook.com/marco.rimedio
www.contattoformazione.it

==============

Per Imparare Migliorare e Cambiare nella Vita e nel Business

freccia-giù

INSERISCI solo il tuo nome e la tua email per ricevere la PASSWORD per entrare nelle Risorse GRATUITE dove troverai GRATIS: Audio, Video, Ebook per la tua:
Informazione, Formazione, Trasformazionefreccia-giù








We respect your email privacy

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this pageShare on LinkedInShare on Google+
Questa voce è stata pubblicata in Marco Rimedio e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Social Media: sei su Instagram?

  1. Pingback: Perchè usare Instagram nel tuo business online | "Come Costruire un Business online di Successo Partendo da Zero"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *